Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Corriere dello Sport

LIVE

BMW iNext, l’ammiraglia a batteria debutta nel 2021

Vai alla versione integrale
Prima la Mini, poi il Suv e l’ammiraglia: l’elettrificazione del marchio bavarese è iniziata

ROMA – La strategia è stata annunciata allo scorso Salone di Ginevra, con i Next 100, ossia l’ambizione di portare BMW verso un nuovo secolo di successi. E di vetture innovative, che in questo periodo storico significa elettrico e guida autonoma

Entro il 2020 arriveranno la prima Mini e la BMW X3 a zero emissioni. Ma la vera rivoluzione inizierà nel prossimo decennio, con il lancio sul mercato della iNext, prima ammiraglia elettrica e a guida autonoma del Gruppo bavarese. E pezzo forte di un “sub-brand” dedicato al green inaugurato nel 2013 con i3 e i8. 

Il debutto, previsto precisamente per la seconda metà del 2021, è stato recentemente confermato dal Ceo BMW Harald Kruger in un intervista al Frankfurter Allgemeine. La vettura sarà prodotta a Dingolfing, nella Bassa Baviera, sviluppata su un’architettura in fibra di carbonio ed equipaggiata con un sistema di guida autonoma di livello 5.

Ossia l’automazione totale, in cui il guidatore ha la possibilità di affidarsi totalmente alla vettura. Nel frattempo al Casa tedesca punta a vendere ben 100 mila unità elettrificate nel 2017. Ma ciò non significa che i motori tradizionali moriranno da un momento all’altro: “Il diesel pulito ha ancora una lunga vita davanti a sé – ha dichiarato Kruger -. Le vendite nel mese di marzo sono tornate ad aumentare. Il diesel euro 6 è altamente efficiente e assolutamente pulito, buono per l’ambiente e per il portafogli”.