Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Corriere dello Sport

LIVE

Chiellini: «Kane straordinario. Sarà dura»

Vai alla versione integrale
© ANSA
Il difensore della Juventus ha mostrato di avere le idee chiare in vista del confronto con l'attaccante del Tottenham. "Non vediamo l'ora di giocare gli ottavi di Champions. Ora inizia una nuova avventura".

TORINO - Il confronto con Harry Kane lo impensierisce, ma solo fino a un certo punto perché Giorgio Chiellini sa bene che lui e la Juventus stanno attraversando un grande momento di forma. “Kane è un attaccante straordinario e le sue statistiche dell’ultimo anno lo dimostrano. E’ cresciuto molto nelle ultime stagioni e migliorarsi di continuo non è facile. Oltre a segnare, manda in porta i compagni, svaria ed è uno dei 9 più forti al mondo. Il Tottenham è fortunato ad averlo perché è merce rara. Come posso fermarlo? Con tutto il bene che mi voglio, uno contro uno non posso fermarlo. Non ho questa presunzione… L’importante è che la Juventus fermi il Tottenham e dovremo essere bravi a contenere il loro gioco, fermare i giocatori che gli danno la palla. Hanno 4 davanti molto bravi e sarebbe riduttivo pensare al Tottenham solo come Kane che era già un top player quando l’ho sfidato con la nazionale. Con il passare degli anni si è confermato tale. Incontrare i migliori ti aiuta a crescere anche se ci sono delle difficoltà. Ora siamo agli ottavi di Champions e sarà molto affascinante questa sfida. L’obiettivo primario è non prendere gol, ma non sarà semplice perché loro segnano tanto e giocano bene con quelli che hanno davanti. Dovremo vincere e giocare di squadra: il salto di qualità che abbiamo fatto negli ultimi due mesi è frutto del lavoro che hanno fatto quelli davanti. Noi difensori siamo l’ultimo anello della catena e siamo favoriti dal lavoro degli altri. Noi vogliamo arrivare fino a Kiev, ma non sarà facile e questa è solo la prima tappa di un lungo percorso. Ci saranno delle assenze come ce ne sono state in passato, ma la forza di questo gruppo è sempre stata quella di non far sentire queste defezioni”.

Il tuo browser non supporta questo video

Venerdì Chiellini ha raggiunto Boniperti come numero di presenze. “Non ci avevo pensato… Vuol dire che si invecchia e che gli anni passano. Sono un club speciale e cerco di fare tutto quello che posso per dare una mano alla squadra. Sto vivendo un periodo positivo e penso partita dopo partita perché l’unico modo per continuare a viaggiare su questi livelli è allenarmi. Una delle cose che insegna Allegri è che ci si può migliorare tutti gli anni. Esattamente come fa il nostro portierone a più di 40 anni. E’ questa la mia miglior stagione? La migliore, una delle migliori… Il calcio non è un gioco singolo: mi aiutano i compagni e il rendimento della squadra. Io lavoro ogni giorno per migliorarmi. E’ questo l’unico ingrediente che ho. Voglio continuare a vincere”.

Il tuo browser non supporta questo video

Poi il pronostico: “Non ci sentiamo favoriti perché sfideremo una squadra di grande livello e non credo che ci siano vantaggi a giocare la prima in casa e la seconda fuori. L’unica cosa che c’è nello spogliatoio è la voglia di iniziare questa nuova avventura, perché dagli ottavi in poi la Champions è un’altra cosa. Adesso arriva il bello e non vediamo l’ora di scendere in campo per gli ottavi. Il clima goliardico dell’allenamento di oggi? Il periodo positivo che stiamo vivendo ti dà più serenità. In Champions la concentrazione e l’adrenalina ci sono sempre. Questo clima sarebbe pericoloso se giocassimo a Crotone o a Benevento perché magari poi sarebbe complicato entrare nel clima partita. In Champions non c’è questo rischio”.

Chiellini ha chiuso parlando anche di Bernardeschi: “Il percorso che ha fatto Federico deve essere preso da esempio da tanti ragazzi perché si è messo in discussione facendo questo salto e arrivando qui con la voglia di imparare, di lavorare senza storcere il naso nonostante giocasse poco. Si sta mettendo a disposizione e con noi anziani ha una disponibilità incredibile e cerca un confronto per migliorarsi quotidianamente. Ora sta raccogliendo i frutti e deve continuare a lavorare perché ha ampi margini di crescita. Deve essere un punto fermo di quesa squadra e della nazionale. Ha tutto per raggiungere questo obiettivo”.