Ciclismo, Ullrich: «Fatto e preso cose di cui mi pento»

© EPA

L'ex corridore tedesco, arrestato a Maiorca per violazione di proprietà privata e minacce al regista e attore Til Scheweiger, ha confessato di avere problemi di alcol e droghe 

BERLINO - "La separazione da Sara e la distanza dai miei figli che non vedo da Natale e con i quali quasi non parlo mi hanno portare a fare e prendere cose di cui mi pento molto". Jan Ullrich si racconta alla "Bild", confessando problemi di alcol e droghe "ma per amore dei miei figli sto facendo terapia". L'ex corridore tedesco è salito alla ribalta delle cronache nei giorni scorsi, per l'arresto a Maiorca per violazione di proprietà privata e minacce al regista e attore Til Scheweiger. Secondo quest'ultimo, Ullrich avrebbe scavalcato la recinzione della sua villa, dove era in corso una festa, e avrebbe cercato di aggredirlo.

Ma il vincitore del Tour '97 fornisce un'altra versione. "Ho suonato e siccome nessuno mi apriva, ho deciso di entrare. Ed è stato un amico di Til a perdere il controllo, ha cercato di colpirmi con un calcio in stile kung-fu che sono riuscito a schivare e poi è arrivata la polizia". Per Scheweiger, sentito dalla "Bild", Ullrich "era diventato quasi uno di famiglia ma quando la moglie lo ha lasciato ha iniziato a prendere anfetamine, mi raccontava che dormiva solo due ore.Iniziava a bere birra alle 6 del mattino e continuava per tutto il giorno. Mi disse anche che aveva una ricetta per poter assumere cocaina perché era meno dannosa delle anfetamine". (ha collaborato Italpress)

Articoli correlati

Commenti

Dalla home

Vai alla home