Venezia travolge Cremona. Avellino rialza la testa grazie a Fesenko

© CIAMILLO

I lagunari hanno sconfitto 108-76 la Vanoli Cremona portandosi sul 2-0 nella serie mentre la Sidigas ha battuto 80-59 Trento 

ROMA - L'Umana Reyer Venezia prova a mettere un piede in semifinale e lo fa travolgendo la Vanoli Cremona in gara 2 dei quarti con un perentorio 108-76 che vale il 2-0 nella serie. Lanciata dai canestri di Haynes (12 punti) e Daye, la formazione orogranata ha provato già nel primo quarto a fare il vuoto dietro di sé scavando un solco di 12 lunghezze (24-12). Nella seconda frazione poi Cremona ha cercato di rialzarsi grazie ai 10 punti di Johnson-Odom (ha chiuso a quota 22 punti) ed è riuscita ad andare negli spogliatoi con soli 8 punti di svantaggio (50-42), ma in apertura di secondo tempo la Reyer ha ricominciato a giocare sul velluto e ha dato la spallata decisiva con l'aiuto di Peric che nel frangente, così come Odom in precedenza, ha messo a segno 10 punti che hanno contribuito a spingere la Reyer a +14 all'ultimo mini-intervallo. Una mazzata per la formazione di Meo Sacchetti che nei 10' conclusivi ha incassato un altro parziale di 32-14 che l'ha mandata al tappeto. 

AVELLINO VINCE E CONVNCE - Nel silenzio surreale di un PalaDelMauro a porte chiuse, invece, la Sidigas Avellino ha saputo reagire dopo l'inatteso ko patito in gara 1 battendo la Dolomiti Energia Trento 80-59. Protagonista assoluto del successo irpino è stato Kyrylo Fesenko (20 punti e 10 rimbalzi) che sin dalle prime battute si è caricato la squadra sulle spalle dominando sotto i tabelloni e propiziando il +11 interno all'inizio del secondo quarto (26-11). Sul più bello però l'attacco biancoverde si è inceppato e così la Dolomiti Energia si è rifatta pericolosamente sotto, raggiungendo il -3 e sprecando il possesso del pareggio. Filloy (9 punti), Auda e Wells (11 punti a testa) hanno così ripreso in mano la situazione e riportato Avellino oltre la doppia cifra do vantaggio all'intervallo lungo (44-33). La reazione trentina però questa volta non è più arrivata e così la Sidigas ha potuto condurre in porto il successo senza fatica. 

Articoli correlati

Hot Video

Tutti i video

 

Commenti

Dalla home

Vai alla home