Vis Sezze, Paccariè: «Squadra validissima»

© LAPRESSE

Il portiere: «Sono felicissimo di giocare dopo quasi due anni di inattività per una squadra davvero ben organizzata»

SEZZE -  Ci sono ruoli in una squadra di calcio, forse più di altri, degni di particolare considerazione: quello del portiere é considerato da molti un mestiere romantico, spesso soggetto a critiche eccessive, ma comunque di grande valore sportivo. Tra le fila dei nuovi arrivati in casa Vis Sezze, c'é proprio un portiere. Gino Paccarié, acquistato per dar man forte a Manuel Micheli, é nato ad Anzio ed é un classe '89. Ci racconta la sua carriera fino a oggi. «I miei primi passi nel mondo del calcio li ho mossi nel calcio a 5, e solo in seguito sono passato al calcio a 11, per tre campionati nella juniores, giocando sempre con la selezione cittadina; poi mi sono trasferito al Pomezia giocando con la prima squadra in Eccellenza, poi ancora un anno al Falasche, dopodiché per ben sei anni al Nettuno, di cui tre in Promozione, durante i quali ho vinto un campionato allenato dal mister Flavio Catanzani. In seguito sono stato chiamato dalla Virtus Nettuno per giocare in Eccellenza, dopodiché, per alcuni problemi di varia natura sono stato costretto ad allontanarmi...» Gino é stato scelto come secondo portiere, ma quando la conversazione si sposta sul proprio ruolo, ciò che traspare dalle sue parole e dai modi educati é grande umiltà e disponibilità al sacrificio per un bene più grande: «Ho grande rispetto per Manuel Micheli, lo considero un portiere davvero bravo, ma soprattutto un ragazzo in gamba e questo per me conta moltissimo, considerato che in passato mi é capitato di non stringere rapporti idilliaci con altri portieri. Sono felicissimo di essere arrivato qui alla Vis Sezze, perché posso giocare dopo quasi due anni di inattività per una squadra davvero ben organizzata, che punta alla vittoria del campionato, é per me motivo di grande orgoglio; io sono a completa disposizione, pronto a dare il mio contributo nel caso ce ne fosse bisogno, ma auguro a Manuel di vivere una stagione straordinaria.»

LA ROSA - Gino non risparmia complimenti nemmeno al resto della rosa, visibilmente soddisfatto di essere entrato a far parte di un gruppo che considera pregno di qualità: «Secondo me abbiamo una squadra di ottima fattura tecnica, composta da elementi validissimi, tra cui Formato e Bucciarelli per la difesa e Spila e bomber Bruschini in attacco, e altri che potranno dare un grande contributo, come Dall'Armi, Carlini e Antonucci; poi penso ai giovani, Piccaro tra tutti, che credo diventerà un giocatore di grande valore.»
Sulla scelta di accettare la proposta della Vis Sezze non mostra tentennamento o incertezza. Gino é costretto a macinare chilometri ogni giorno per venire ad allenarsi, ma non sembra badarci, spinto dalla passione e da un forte senso di attaccamento per la Vis: «Ho scelto di venire a Sezze perché mi ha affascinato il progetto che questa società vuole portare avanti. Poi, durante una partita in cui giocai qui come avversario, ricordo il calore e l'affetto della gente, per nulla intimorita da un tremendo acquazzone; in più, ed é un aspetto molto importante, sono molto felice di ritrovare il mister Catanzani, che é un professionista che cura sempre al meglio ogni dettaglio e possiede una mentalità vincente, di quelle che catturano da subito l'attenzione di noi calciatori. Certo, devo viaggiare e non sono vicinissimo a casa, ma partecipo con passione e sono molto motivato.» Gino collabora con il preparatore dei portieri del Frosinone in una scuola di allenamento per portieri, dove si occupa di allenare giovani desiderosi di intraprendere questa romantica professione.

Articoli correlati

Commenti

Dalla home

Vai alla home