Sacchi attacca Balotelli: «L'intelligenza conta più dei piedi»

L'ex ct azzurro ha avuto parole pesanti nei confronti dell'attaccante, deludente contro la Polonia: «Ennesima occasione persa? Bisogna andare a prendere giocatori generosi e progessionali. Il ko dell'Under 21 è stato assurdo: i giocatori hanno avuto un atteggiamento vergognoso! In Italia il singolo conta più della squadra»

ROMA - "Balotelli? Il calcio è uno sport di squadra, e anche se solo giochi a tennis quando il tuo compagno se ne va dove pare a lui, cosa dici e cosa fai?..". Arrigo Sacchi, ai microfoni di Radio Deejay, commenta duramente la prestazione dell'attaccante azzurro ieri contro la Polonia, e nel rispondere alla domanda se al numero 9 non siano state concesse già troppe opportunità, risponde ancora più duramente. "Bisogna avere poche idee ma chiare: il calcio è uno sport di squadra, e l'intelligenza conta più dei piedi. Quindi, per prima cosa devo andare a prendere giocatori che abbiano intelligenza. Poi - ha aggiunto l'ex ct - serve generosità, passione, professionalità. Tutti hanno la macchina, ma per farla muovere serve la benzina; e nel calcio la benzina è l'intelligenza, la passione, la professionalità. Ecco, diciamo che basta lo spirito di squadra: già quello ti fa essere una persona degna". 

"Al nostro calcio manca l'orgoglio: oggi fare il ct della nazionale è ancora più difficile", ha proseguito Sacchi, all'indomani del pari dell'Italia con la Polonia. L'ex ct ha parlato di mancanza di spirito di squadra e di professionalità da parte dei giocatori italiani, e di mancanza di progetti da parte dei dirigenti. "Mancano idee, e le idee non sono chiare. Per tutte queste cose - ha aggiunto Sacchi, parlando a Radio Deejay - da ct, puoi scegliere poco". Sacchi è stato molto critico con tutto il calcio italiano, compresi i giovani per i quali l'attuale ct Roberto Mancini ha reclamato più spazio. "L'altro giorno ho visto la partita dell'Under 21 - il suo commento - I giocatori hanno avuto un atteggiamento vergognoso, presuntuosi, arroganti. Spesso nel calcio i veri nemici non sono gli avversari, siamo noi stessi". "Questo - ha anche detto Sacchi - è un Paese in cui pur di vincere si venderebbe l'anima al diavolo: non si fa differenza tra una vittoria meritata e una poco meritata. E invece quella poco meritata porta poco futuro dentro di sè". Critiche anche alla Federcalcio. "Ho sempre pensato che un club, e in questo caso la federazione, con le sue idee e la sua visione, conti più della squadra e dell'allenatore, come la squadra conta più del singolo. Invece questo è un Paese in cui il singolo conta di più: e la federazione non impone regole perché si cerca il potere più che un progetto utile al calcio. Cerchi di non farti mai nemici, accontenti tutti così non accontenti mai nessuno".

Articoli correlati

Commenti

Dalla home

Vai alla home