Higuain-Milan, quei 20 milioni bloccano tutti

© ANSA

Per Higuain la Juve vuole cash e Bonucci. Il Chelsea nicchia: ieri nuove offerte solo per Caldara (40) e Rugani (45)

ROMA - Tutto ruota attorno ad Higuain. Sì, anche il destino dei vari Bonucci, Caldara e Rugani. La Juventus non può permettersi di tenere in organico l’argentino. Dopo il clamoroso acquisto di Cristiano Ronaldo, equilibri tecnici e di spogliatoio lo sconsigliano. Ma anche il bilancio impone cessioni che sostengano il mega-investimento. Tuttavia, i programmi bianconeri sono frenati da una serie di ostacoli. Da un lato, l’interesse del Chelsea non si è concretizzato in una vera offerta. Tanto che, nel nuovo incontro andato in scena ieri mattina tra Paratici, Marina Granovskaia e Ramadani, uomo mercato dei Blues, si è parlato solo di Rugani e Caldara. Dall’altro, pur volendo Higuain, il Milan non può permettersi di acquistarlo, ad oggi. Anche se la situazione potrebbe cambiare qualora Leonardo riuscisse a chiudere qualche cessione.

VINCOLI - È come se Higuain fosse prigioniero. Del suo peso tecnico, perché resta pur sempre uno dei migliori centravanti del mondo. Ma anche del suo valore nel bilancio della Juventus (54,778 milioni di euro al 30 giugno 2018, con ammortamento annuo di 18,259), che non può permettersi una minusvalenza, e del suo ingaggio (7,5 milioni per ciascuna delle prossime 3 stagioni), che non intende per alcun motivo abbassarsi. Peraltro, il "Pipita” sta rientrando in queste ore in Italia. Ricomincerà ad allenarsi assieme a Ronaldo, ma sarà inevitabilmente distratto dal suo futuro. A gestire le discussioni sarà il fratello Nicolas, che ha già parlato con Leonardo, mettendo in chiaro le sue richieste, ma che soprattutto ha cominciato a pressare Marotta e Paratici.

SCADENZE - La situazione è destinata a sbloccarsi in tempi rapidi: il mercato inglese chiuderà già il 9 agosto e il Chelsea dovrà decidere in tempi rapidi se puntare su Higuain o se mollarlo definitivamente. E la seconda ipotesi appare adesso la più percorribile, dato che deve uscire prima Morata, e non verrà svenduto né prestato, come vorrebbe il Milan. Ad ogni modo, un nuovo contatto tra Juve e Blues avverrà tra oggi o domani, se non altro per la questione difensore. Uno tra Rugani e Caldara, infatti, sbarcherà alla corte di Sarri: per il primo offerta da 45 milioni, per il secondo da 40. Conterà anche il parere di Allegri

Leggi l'articolo completo sull'edizione del Corriere dello Sport-Stadio oggi in edicola

Articoli correlati

Commenti

Dalla home

Vai alla home