Cina, Hebei: Lavezzi accusato di razzismo dai tifosi per una foto

Molti supporters della squadra di cinese in cui milita il Pocho chiedono al club provvedimenti duri contro l'ex Napoli per un'immagine con gli occhi a mandorla

ROMA - Ezequiel Lavezzi è nell'occhio del ciclone in Cina, dove ad accusarlo di razzismo sono addirittura i suoi stessi tifosi dell'Hebei China Fortune, squadra della Chinese Super League in cui il Pocho gioca dal febbraio 2016. A generare il caos è stata una foto ufficiale dell'Hebei FC, scattata per le attività di marketing del club, in cui Lavezzi simula con le mani sul volto gli occhi a mandorla, tratto fisiognomico tipico delle popolazioni asiatiche.

RABBIA DEI TIFOSI - Un gesto goliardico quello dell'ex attaccante di Napoli e Psg, sicuramente fatto senzal alcuna volontà di offendere il suo attuale pubblico, che in Cina però è vissuto come un vero e proprio sfottò razziale poiché scherza di fatto sui caratteri genetici di quella terra. «Come è potuto succedere? Perché l'Hebei China Fortune ha permesso a Lavezzi di assumere una posa razzista sotto il proprio naso?», si è chiesto un tifoso. «Perché Lavezzi non lascia immediatamente la Cina?», ed ancora: «La Cina ha reso Lavezzi il calciatore più pagato al mondo. In cambio lui ha denigrato e deriso il popolo cinese. Che uomo indegno!». C'è infine chi vuole che la Federcalcio nazionale (CFA) sanzioni l'argentino per il suo comportamento: «Lavezzi dovrebbe essere severamente punito». Qualcuno ha ricordato un precedente: «L'Hebei dovrebbe rescindere il contratto di Lavezzi, proprio come è successo con Anelka».

ULTIME NOTIZIE CALCIO ESTERO

Articoli correlati

Hot Video

Tutti i video

Commenti

Dalla home

Vai alla home