Voluntary agreement, la replica del Milan: «Pronti ad affrontare l'altra faccia della medaglia»

© LaPresse

Fassone commenta le indiscrezioni: «C'è amarezza per il funerale anticipato dai giornali ma le richieste dell'Uefa sono impossibili»

ROMA - La decisione non è ancora ufficiale ma è ormai certo che la commissione Uefa del fair play abbia bocciato la proposta di voluntary agreement avanzata dal Milan. La notizia trapelata in queste ore è stata commentata dalla società rossonera che nella consueta rassegna stampa sul sito ufficiale ha precisato: «Arrivano importanti segnali mediatici sul Voluntary Agreement, in attesa del pronunciamento ufficiale e definitivo dell'Uefa. Oltre a dichiarare il proprio massimo e costante rispetto nei confronti dell'istituzione europea, il Milan ha sempre dichiarato di essere pronto ad affrontare l'altra faccia della medaglia e cioè il Settlement Agreement. La proposta di Voluntary partita dalla società rossonera era una novità assoluta in tal senso, non essendoci precedenti a livello politico-calcistico europeo. Il Milan a novembre si era impegnato a fondo per la redazione e la strutturazione del proprio piano».

FASSONE: FUNERALE ANTICIPATO -  «C'e' amarezza e sorpresa per avere appreso dai giornali di questo funerale anticipato. La commissione della Uefa si riunisce domani e oggi dai giornali sembra accertata una decisione negativa nei nostri confronti. Non fa piacere». Cosi', Marco Fassone, amministratore delegato del Milan, ha commentato le indiscrezioni relative alla decisione della Commissione Uefa di bocciare la richiesta di Voluntary Agreement dei rossoneri. «Ho troppo rispetto per l'istituzione e la commissione Uefa per comprendere come queste indiscrezioni siano state anticipate di un giorno - ha aggiunto - Spero non sia così. Ho grandissima stima per Yves Leterme, presidente della Commissione ed ex primo ministro belga, per auspicare che le decisioni che saranno prese domani o nei prossimi giorni, siamo eticamente neutre nei confronti del Milan». «Poi c'è un giudizio di merito - ha aggiunto - Dalla Commissione ci sono state delle richieste oggettivamente impossibili da rispettare, non solo per il Milan ma per tutti i club. Il Milan ha fornito alla Uefa una documentazione completissima, integrandola ulteriormente anche ultimamente. Mi auspico che la decisione dell'Uefa sia presa nel rispetto del primo voluntary agreement. E' ovvio che bisogna essere in due per rispettare un accordo. Il Milan ha dimostrato tutta la flessibilità per poterlo fare, mi auguro che ci sia anche da parte della Uefa. Rispetteremo le decisioni, quando arriveranno, e soprattutto desidero ricordare a tutti che il Voluntary, rispetto all'accordo tradizionale, permette nel breve di non avere sanzioni. Nella peggiore delle ipotesi non e' un funerale, ma tra qualche mese andremo a discutere un altro tipo di agreement», ha concluso l'ad del Milan.

ERRORI DI MERCATO - Fassone poi ha parlato anche della difficile stagione rossonera: «Gattuso sta cercando di dare, non solo mentalità, ma anche approccio tecnico e tattico tipico suo, e per poterlo fare ha bisogno di tempo. Purtroppo nel calcio non schiacci l'interruttore e magicamente la squadra una domenica dopo sa adattarsi. Ci vorranno 4-5-6 partite per vedere qualche risultato. Mercato? Ho detto più volte che uno o due errori li abbiamo commessi, penso che alcuni li abbiamo corretti.Le correzioni non sempre trasferiscono risultati immediatamente, ma sono ancora convinto che abbiamo squadra forte, i giocatori arrivati sono forti. Su dieci che arrivano uno o due possono non integrarsi al meglio, ma alcuni che non stanno rendendo secondo le previsioni sono forti. Presto rivedremo i veri giocatori che tutti ad agosto hanno commentato in un certo modo».

Milan strozzato, l'Uefa boccerà il piano di rientro

 

Articoli correlati

Hot Video

Tutti i video

Commenti

Dalla home

Vai alla home