Portogallo, Fernando Santos esalta Chiesa: «Con lui l'Italia è cambiata»

© EPA

Il ct della nazionale campione d'Europa in carica si prepara ad affrontare gli azzurri: «Squadra storica, si difende e gioca in contropiede ma nel secondo tempo con la Polonia ha cambiato e concesso poco. Ronaldo? Vedrete quanti gol farà in Serie A...»

ROMA - "Sara' una grande partita, l'Italia nel secondo tempo con la Polonia e' stata forte, ha fatto pressing, ha attaccato. Dopo la delusione Mondiale, gli azzurri vorranno rifarsi". Fernando Santos teme la voglia di rivalsa dell'Italia alla vigilia della sfida di Lisbona che vedra' il Portogallo fare il suo debutto in Nations League. Il ct dei lusitani si aspetta una gara diversa rispetto all'amichevole con la Croazia: "l'Italia e' una squadra storica. Quella era un'amichevole, in questa ci sono i tre punti in palio. Speriamo di essere al meglio". Santos, che dopo l'eliminazione agli ottavi in Russia sogna una nuova impresa a Euro2020 ("dobbiamo difendere il titolo, vogliamo arrivare alla fase finale degli Europei"), ha analizzato bene la gara di Bologna degli azzurri: "Caratteristica italiana e' difendersi, prendere palla e cercare il contropiede, ma nella ripresa con la Polonia ha cambiato, ha concesso poco. Sara' un grande confronto, giocare contro l'Italia e' difficile, ma lo sara' anche per loro". Non sara' della partita Guerreiro: "stava male, dagli esami e' emerso che non poteva recuperare e non e' stato convocato".

Da Santos belle parole per Chiesa ("con lui l'Italia ha cambiato gioco") e Insigne ("e' fantastico") e sull'astinenza di Cristiano Ronaldo in serie A aggiunge: "vedrete quanti gol fara'...". Assente CR7, la fascia di capitano andra' sul braccio di Pepe: "Poter essere capitano e' un sogno per me, sono felice. Quella attuale e' una generazione di qualita'". E rispetto alla gara di giovedi' scorso contro i vicecampioni del mondo sottolinea: "la Croazia ama il possesso palla, l'Italia ama difendersi, rubare la palla e fare contropiede. Sono bravi e l'aiuto del pubblico sara' essenziale".(in collaborazione con italpress)

Articoli correlati

Commenti

Dalla home

Vai alla home