WESG: La Corea ci condanna, azzurri eliminati ai quarti!

Alle olimpiadi dei videogiochi in Cina la Corea elimina gli ultimi rappresentanti azzurri su Starcraft II: solo quarti per Reynor e Elazer. 

Niente da fare per Elazer e Reynor che sono costretti ad abbandonare le finali del WESG ai quarti di finale per mano di Maru e Classic. Il sogno azzurro si interrompe, lasciando però alcun rimpianto, l’Italia ha dimostrato di poter dire la propria a livello internazionale e il raggiungimento di questo importante risultato è una prova tangibile della crescita del settore italiano.

Nel match che ha aperto la fase ad eliminazione diretta, Riccardo “Reynor” Romiti del Team Exeed ha dovuto affrontare, probabilmente, il più forte Terran al mondo, un giocatore che recentemente si era reso protagonista di un ¾ posto nell’Intel Extreme Masters World Championship di Katowice ed era arrivato a questi playoff regalando al solo ShoWTimE, nella seconda fase a gironi, una partita. Il cyber-atleta italiano ha affrontato il suo avversario con coraggio, partendo fortissimo su Blackpink LE e Catalyst LE ma finendo per subire il ritorno di Maru che attraverso il solido multitasking è riuscito a guadagnare spazio, conquistandosi in poco tempo due mappe decisive, prima utilizzando le unità biologiche e poi quelle meccaniche.

Nell’ultima partita Reynor è stato sorpreso dal bunker rush del giocatore coreano che lo ha costretto a difendersi per tutta la partita non riuscendo mai ad impostare il proprio gioco. La successiva transizione ad unità meccaniche da parte di Maru ha condannato Reynor ad una sconfitta immeritata e per certi versi assolutamente sfortunata. Il cyber-atleta azzurro ha dichiarato su Twitter, a fine partita, “di non aver giocato al meglio e di essere un po’ deluso da come si è concluso questo evento”, anche se ha poi aggiunto che “tenterà di fare meglio al prossimo appuntamento” (presumibilmente il Dreamhack Valencia, il prossimo luglio, ndr.).

Nell’altro incontro che ha visto protagonista un giocatore “azzurro”, sconfitta per 3-1 per Miko?aj “Elazer” Ogonowski, il giocatore del Team QLASH, ha dovuto affrontare il Protoss coreano Classic in questi quarti di finale, un giocatore che recentemente era riuscito a centrare un ottimo secondo posto nell’Intel Extreme Masters World Championship di Katowice. Considerato come il giocatore dal miglior PvZ al mondo, Classic, ha faticato a superare il cyber-atleta polacco, regalando su Neon Violet Square addirittura una speranza concreta al suo avversario di rientrare in corsa per la qualificazione al turno successivo.

Elazer non è riuscito ad avere continuità e le sconfitte su Acid Plant LE e Eastwatch LE lo hanno costretto ad una eliminazione dalla competizione che per certi versi appare come una vera e propria beffa considerando anche che il Classic di oggi, pur avendo espresso un gioco molto solido, non è apparso così irresistibile. Tra qualche giorno il talento dei QLASH partirà per la Corea del Sud dove avrà modo di allenarsi per circa due mesi con diversi cyber-atleti asiatici e tenterà di qualificarsi alla seconda stagione del GSL e al GSL Super Tournament che sono in programma prossimamente. Gli altri quarti di finale hanno visto trionfare Serral per 3-0 su Neeb e Dark per 3-0 su Scarlett.

Le semifinali hanno permesso a Maru di raggiungere la finale assoluta, superando con grande facilità un Serral che ha subito, come un pugile alle corde, il multitasking del suo avversario, provando ad impostare un gioco che era stato, in realtà, ampiamente previsto dal suo avversario in fase di preparazione dell’incontro terminato con il risultato di 3-0. Nell’altra semifinale che ha chiuso la giornata di gare, Dark ha sconfitto per 3-1 Classic, guadagnandosi un posto in finale. L'ultimo atto è stato vinto nella notte da Maru al termine di una partita spettacolare e avvincente, finita 4-3 e in bilico fino all'ultima mappa. Il vincitore di questo WESG si porta a casa 200,000$ oltre la gloria di aver vinto i World Electronic Sport Games. Terzo posto, invece, per Serral che compie l'impresa di superare il coreano Classic nella finalina di consolazione.

Per l’Italia, nonostante l’eliminazione di Reynor ed Elazer, questo risultato rappresenta una vera e propria impresa, due giocatori facenti parte di organizzazioni italiane (Exeed eSports e Team QLASH, ndr.) hanno raggiunto la top 8 in un torneo internazionale che può essere considerato al pari di un qualsiasi evento WCS per la qualità dei giocatori e per formato di gioco. Da una parte il giocatore degli Exeed eSports è riuscito a bissare il risultato di Valencia, mentre dall’altra Elazer ha dato una scossa a questo 2018 che era iniziato, probabilmente, con il piede sbagliato. 

Servizio a cura di redazione GEC - Giochi Elettronici Competitivi

Articoli correlati

Hot Video

Tutti i video

 

Commenti

Dalla home

Vai alla home