F1, Alonso: «Il circus è diventato troppo prevedibile»

© EPA

Così il pilota McLaren nel corso della conferenza stampa che apre la tre giorni di WEC a Silverstone

ROMA - Fine settimana di corse per il FIA World Endurance Championship con i motori pronti a rombare sul circuito di Silverstone. Occhi puntati su Jenson Button e Fernando Alonso, il pilota più seguito del periodo in seguito all'addio alla Formula 1. In attesa di conoscere il futuro dell'asturianio, che non si è ancora pronunciato rispetto al proseguo professionale, l'ex ferrarista ha parlato nel corso della conferenza stampa che ha dato il via alla tre giorni britannica per motivare la decisione di lasciare il circus della F1.

ADDIO? MAI DIRE MAI... Nessun pelo sulla lingua: «Non è più come un tempo, l'azione in pista è cambiata. Oggi quello che vediamo in pista è uno show più povero. Sui parla di cose futili ed è un brutto segno perché vuol dire che nel corso di un fine settimana si è assistito ad azioni scarse. Altri campionati probabilmente offrono uno spettacolo migliore: cerco questo. Nei campionati precedenti era difficile prevedere cosa potesse accadere, ora sappiamo già cosa accadrà nelle prossime due gare, possiamo prevedere le prime 15 posizioni con margini di errore irrisori. Negli ultimi 18 anni ho ottenuto più di quanto sognassi. La porta a un ritorno è aperta più perché credo di guidare al miglior livello mai raggiunto in carriera, quindi perché mai chiudere le porte se dovesse accadere qualcosa in futuro?».

TUTTO SULLA FORMULA 1

ALONSO, ADDIO A FINE STAGIONE

Articoli correlati

Commenti

Dalla home

Vai alla home