Agosto per scoprire la città

Dalle mostre fotografiche alle aperture serali dei siti archelogici, dai ristoranti fino ai musei. Roma non smette mai di vivere

Sono lontani i tempi in cui Roma, nel mese di agosto, diventava deserta o quasi. La città nei mesi estivi pullula d’iniziativedi ogni tipo e per tutti i gusti. Dalle attività culturali a quelle ricreative, c’è l’imbarazzo della scelta. Tante sono ad esempio le mostre in corso che si possono visitare nei mesi estivi. Tra le più interessanti, “La dolce Vitti”, una grande mostra fotografica e multimediale dedicata all’attrice e alla donna Monica Vitti, organizzata da Luce-Cinecittà presso il Teatro dei Dioscuri al Quirinale con ingresso gratuito, fino al 9 settembre. Un’esposizione che ha dimostrato in questi mesi, a chi l’ha vista e a chi è tornato a vederla, quanto l’attrice sia presente, e quanto ancora manchi, faccia ridere e commuovere tutti gli spettatori. Altra mostra fotografica, tutta al femminile, è “L’altro sguardo. Fotografe italiane 1965-2018”, fino al 2 settembre al Palazzo delle Esposizioni. Sono presenti una selezione di oltre duecento fotografie e libri fotografici provenienti dalla Collezione Donata Pizzi, costituita con lo scopo di promuovere la conoscenza delle più originali interpreti nel panorama fotografico italiano dalla metà degli anni Sessanta a oggi. Se poi dopo la visita alla mostra si vuole fare una pausa caffè, è presente all’interno del Palazzo una caffetteria che offre ai visitatori e non solo, perché l’accesso è aperto a tutti, un angolo di ristoro. La sala che ospita la caffetteria (aperta dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 17.00) si affaccia su un piccolo e incantevole giardino da cui si può ammirare la restaurata Chiesa di San Vitale. Altra mostra sempre fotografica e multimediale si trova al Museo di Roma in Trastevere, dal titolo “Dreamers. 1968: come eravamo, come saremo”, fino al 2 settembre. In occasione del 50? anniversario del 1968, la mostra racconta attraverso immagini e video, la storia del Paese in quegli anni, per ricordarla e ristudiarla. Un viaggio nel tempo tra 171 immagini che raccontano la storia divisa in temi: dalla guerra del Vietnam alla segregazione razziale negli USA, dalle rivolte studentesche alla realtà musicale italiana e internazionale alle imprese sportive. Nell’ambito della mostra, il pubblico sarà coinvolto in prima persona attraverso un’attività social per condividere la foto preferita del ’68, inviandola ad AGI (Agenzia Italia) utilizzando #ilmio68. 

Se in zona si è alla ricerca di un posto davvero speciale dove pranzare o cenare basterà attraversare Ponte Sisto e in pochiminuti si raggiunge Obicà a Campo de’ Fiori, il primo Mozzarella Bar al mondo con piatti freschi e gustosi. Le proposte sono pensate dal creative chef Alessandro Borghese. Qui si possono ordinare piatti dagli accostamenti insoliti e suggestivi, come la Mozzarella di bufala campana DOP e granchio, la burrata e fragole o la pizza pesto e stracciatella. Nei mesi estivi poi, fino a settembre, si possono gustare nuovi piatti pensati apposta per la stagione.

Ma le cose da fare a Roma ad agosto non sono certo finite qui: un’interessante iniziativa che coinvolge la città è l’apertura dei siti archeologici durante le ore serali. È possibile, ad esempio, visitare Castel Sant’Angelo in compagnia di una guida per gruppi di massimo venticinque persone, dal giovedì alla domenica alle 20.30 in inglese e alle 22.00 in italiano. Sono previste anche visite accompagnate al Passetto, dal giovedì alla domenica in vari orari (20.00, 20.45, 21.30, 22.15 e 23.00). Altro appuntamento immancabile dell’estate romana è l’apertura serale dei Musei Vaticani. Ogni venerdì le gallerie papali si aprono al pubblico dopo le 19.00. I biglietti sono prenotabili esclusivamente on line e comprendono, oltre all’ingresso ai musei, l’accesso alle rassegne musicali e un gustoso happy hour servito nel Cortile della Pigna. Inoltre, in questo periodo, sono previste delle esclusive visite by night al Colosseo, che partono dall’arena e si addentrano nei sotterranei, per poi risalire fino al primo ordine di archi.

Inoltre, l’estate può essere il momento giusto per ammirare la città da un’angolazione insolita attraverso un giro con il battello sul Tevere. Un’iniziativa destinata più ai turisti che ai romani, ma che potrebbe rivelarsi una bella gita anche per chi a Roma ci vive e per i più piccoli. Durante l’estate, nei fine settimana, i vari battelli che si spostano sul Tevere (ce ne sono molti tipi, basta navigare su internet per cercare il tour che più interessa) prolungano l’orario dell’ultimo giro fino a mezzanotte. Se, ad esempio, si sceglie di fare un giro con i battelli di Rome Boat si ha la possibilità di salire e scendere alle varie stazioni fluviali: Isola Tiberina, Bocca della Verità, Castel Sant’Angelo, Piazza Navona, Piazza di Spagna, Piazza del Popolo, Piazza San Pietro e altri punti d’interesse. Insomma a Roma l’arte e il divertimento non vanno in vacanza.

Articoli correlati

Commenti

Dalla home

Vai alla home