MotoGP Misano, Valentino Rossi: «Dispiace per i tifosi»

© LAPRESSE

Delusione in casa Yamaha: «Non ci spieghiamo una gara così»

MISANO - «È stata veramente dura, la moto è diventata improvvisamente difficilissima da guidare stamattina. Non ci spieghiamo come sia successo. L'atmosfera era quella giusta, mi è dispiaciuto per i tifosi non fare una gara decente». Non nasconde la sua delusione per il mesto settimo posto conquistato al “Gp di Casa”, a Misano, Valentino Rossi. «Come spesso accaduto iniziamo il campionato a un certo livello, poi gli altri migliorano e invece noi facciamo sempre più fatica», analizza il Dottore: «In FP4 siamo andati forte, Maverick addirittura era primo e la qualifica è andata bene. Poi stamattina è cambiato tutto e la moto è diventata difficilissima da guidare, ho fatto fatica soprattutto con l'anteriore e non riuscivo a staccare. La temperatura? Le differenze rispetto a ieri erano minime, non può essere stato questo il problema. È un momento tecnico difficile, dobbiamo rimboccarci le maniche anche se il gap è importante».

FENATI E LA SQUALIFICA - Il pilota della Yamaha, alla conferenza stampa del dopo gara ha anche parlato del pubblico di Misano - «Alla fine è stata una grande Italia, con Dalla Porta, Bagnaia e Dovi. La gente si è divertita molto» - e, soprattutto, del brutto gesto di Fenati, che in Moto2 ha messo in pericolo se stesso e il collega Stefano Manzi: «Brutto, giuste due gare di squalifica», ha detto Rossi, che ha aggiunto, visto che Fenati è cresciuto nell'Academy del Dottore, lo Sky Racing Team VR46, da dove fu poi cacciato a metà stagione nel 2016: «Noi in passato abbiamo puntato molto su di lui, ma non siamo riusciti a gestirlo. È stata una sconfitta».

RISULTATI

CLASSIFICA  

Articoli correlati

Commenti

Dalla home

Vai alla home