Volkswagen, nel 2019 arriva la Golf ibrida

Il marchio tedesco spinge sull'elettrificazione e annuncia il debutto di una versione della bestseller equipaggiata con starter generator e batteria a 48 V

ROMA – L'immortale Golf offre una vasta gamma di alimentazioni: benzina, diesel, metano ed elettrica. Manca l'ibrido, così Volkswagen annuncia dal 2019 una nuova versione di Golf con tecnologia “mild hybrid”, altresì detto ibrido leggero con uno starter generator integrato nella cinghia e una batteria a 48 V a supportare il motore termico. Consentendo alla vettura di “veleggiare” a motore spento, risparmiando vino a 0,3 litri di carburante ogni 100 km.

Una soluzione già ben nota all'interno del Gruppo, con Audi che ha recentemente ottenuto l'omologazione ibrida per A4, A4 Avant, A5 Coupé, A5 Sportback e A5 Cabriolet 2.0 TFSI - oltre che per le nuove gamme A8 e A7 Sportback.

Frank Welsch, Membro del Consiglio d’Amministrazione del marchio ha commentato: “L’interazione di diverse fonti di energia (elettricità, benzina, gasolio e metano) rappresenta un cambio di paradigma per la Volkswagen. Per la prima volt a, la Marca offrirà in contemporanea un modello come la Golf, con propulsori convenzionali e assistiti elettricamente, e una gamma 100% elettrica come sarà la I.D. Family”. Il prossimo anno, infatti, oltre alla Golf ibrida debutterà anche la prima elettrica della nuova gamma.

Articoli correlati

Hot Video

Tutti i video

Commenti

Dalla home

Vai alla home