Renault Clio Moschino, l'economia va di moda

Nuovo look irriverente ispirato alla griffe diretta da Jeremy Scott, più tecnologia a bordo con la parking camera e consumi più bassi con il debutto del motore Tce da 75 vv.

Un successo da passerella. Renault Clio, campione di vendita in Italia dal 2013, rilancia la collaborazione con il marchio di moda Moschino, addirittura rinominando la vettura. Lo stile irriverente della griffe unito alla formula riuscita della compatta francese propongono una nuova alternativa in termini di look e tecnologia a bordo, sempre con un occhio al budget di acquisto.

Clio Moschino avrà una immagine con elementi black&gold per i retrovisori esterni, per le modanature laterali, per i profili degli aeratori interni oltre che dei badge sulla fiancata e sul volante. Ricca la dotazione tecnologica di serie, tra cui la parking camera con sensori di parcheggio, radio MP3, schermo touch da 7” e Electronic key card.

Con l’aggiornamento della famiglia Clio debutta anche un nuovo motore che costituisce la variante d’accesso. Si tratta del tre cilindri turbo benzina da 0.9 litri Tce da 75 cv e 120 Nm, che sostituisce l’aspirato da 1.2. Si tratta di una soluzione adatta anche ai neopatentati ed è un compromesso convincente tra prestazioni e consumi, dichiarati per 5 l/100 km.

Le altre unità sono il benzina Tce 90, disponibile anche a doppia alimentazione, ed i diesel Dci da 75 e 90 cv, quest’ultimo disponibile anche con la trasmissione automatica Edc. Il cambio di serie è quello manuale a cinque rapporti. Clio Moschino sarà disponibile dal 17 novembre con un prezzo di partenza pari a 14.400 euro.

Articoli correlati

Commenti

Dalla home

Vai alla home