19 maggio 2017

Mancini: «Inter? Ho una dignità, non potevo continuare»

ANSA © ANSA
L'ex allenatore torna all'attacco del club da cui si è separato la scorsa estate: «C'era caos, peccato: saremmo andati in Champions»

MILANO - A quasi un anno di distanza la delusione non è ancora passata e Roberto Mancini torna ad attaccare l'Inter da cui in estate si è separato prima del via del campionato, sostituito da Frank De Boer poi esonerato a favore di Stefano Pioli a sua volta sollevato dall'incarico e sostituito da Stefano Vecchi, che farà da traghettatore fino alla fine del campionato. «All'Inter non c'erano più le basi per andare avanti - ha detto il 'Mancio' ai microfoni di Radio Incontro Olympia -. Io parlavo, loro non mi capivano. Io ho una mia dignità, non potevo accettare quello che stavano facendo. I proprietari attualimi avevano fatto un'offerta di tre anni per rimanere ma c'era caos, non si sapeva con chi parlare ed era difficile poter far la squadra. E mi dispiace, perché la squadra aveva fatto un lavoro ottimo e quest'anno sarebbe arrivata almeno tra le prime tre. Chi prenderà i giocatori dell'Inter farà grandi affari». Mancini non esclude in futuro di tornare all'Inter e smentisce di avere avuto contatti con la Roma: «Spero ci sia un'opportunità all'estero perché è più divertente, si impara una nuova cultura. A me piacerebbe anche la Bundesliga, è un'esperienza diversa».

INTER, TI COPIANO IL LOGO (FOTO)

INTER: AUSILIO SPARA A ZERO SU  ALLENATORI, STAGIONE E GIOCATORI (VIDEO)

 

Inter, ti copiano il logo!

Commento inviato. Verrà pubblicato al più presto.
Errore nell'invio del commento, riprovare.