Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Corriere dello Sport

LIVE

Argentina, Maradona ne ha per tutti: «Spero si siano presi a pugni»

Vai alla versione integrale
© EPA
Il Pibe de Oro difende Messi, ma attacca il presidente federale Tapia, il ct Sampaoli e il portiere Caballero

MOSCA (Russia) - "Ho una rabbia dentro il petto che non riesce ad esplodere: quest'Argentina non sa a cosa giocare, non ha soluzioni per nulla, nè a centrocampo nè in difesa nè in attacco": è il duro sfogo di Diego Armando Maradona, che durante la trasmissione 'La mano del Diez' su Telesur ha criticato duramente il ct Sampaoli, nonostante la vittoria della Nigeria sull'Islanda che lascia aperta all'Argentina la porta della qualificazione. "La gente credeva che Sampaoli risolvesse i problemi con i computer e i droni...".

Il tuo browser non supporta questo video

TAPIA, MESSI E CABALLERO - "C'è un colpevole e il colpevole è il presidente della Federcalcio argentina, Claudio Tapia - sottolinea il Pibe de oro -. L'Afa è diretta da gente che non sa nulla di calcio".Tapia e Sampaoli sul banco degli imputati, ma non Lionel Messi. Secondo Maradona, l'asso del Barcellona "non ha giocato come poteva giocare ma i suoi compagni non gli passavano la palla, è difficile risolvere da solo i problemi di tutti". Diverso il discorso su Willy Caballero. "Ha fatto un disastro mondiale - attacca l'ex fuoriclasse parlando della papera del portiere del Chelsea -. La colpa però è esclusivamente del tecnico, che ha convocato un portiere che ha giocato pochissimo questa stagione, escludendo Armani che ha avuto una grande annata".

A PUGNI - La vittoria della Nigeria offre all'Albiceleste "un'occasione in più per qualificarsi agli ottavi, ma il problema in assoluto non è la Nigeria, il problema siamo noi. Mi piacerebbe capire se nello spogliatoio si siano presi a pugni. Se non è successo - conclude - è perché non ci sono gli attributi. Se qualcuno ha dovuto mettere del ghiaccio sul volto va bene".

Maradona, tifo indiavolato in tribuna con la maglia di Messi