Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Corriere dello Sport

LIVE

De Vrij-Icardi: è rigore. E su Lulic...

Vai alla versione integrale
© LAPRESSE
La moviola dell'ultima giornata di Serie A. Rigori indigesti per Gavillucci e Di Bello

ILLUZZI

GENOA-TORINO 1-2

Esordio in A per Lorenzo Illuzzi, 34 anni, 45 gare in B in tre stagioni. Corretto il doppio giallo per Ansaldi, ingenuo a commettere fallo in ritardo su Omeonga che lo aveva saltato (ok il primo giallo, su Medeiros). Manca un giallo per Bertolacci.

MASSA

CAGLIARI-ATALANTA 1-0

Un solo episodio che ha avuto bisogno del VAR (bene ha fatto comunque Massa ad andare a rivedere): tiro di Palomino, davanti a lui Lykogiannis ha il braccio destro largo. Damato invita l’arbitro al VAR che conferma la sua decisione: unica spiegazione possibile, la distanza ravvicinata e il movimento comunque congruo. Ma le indicazioni di Rizzoli erano altre.... Ok annullare la rete di Ionita: fallo su Caldara prima della rete. Rigore per l’Atalanta: Ceppitelli alza la gamba su Caldara, tocca il pallone prima poi travolge l’avversario ma è nella dinamica dell’azione.

 

PASQUA

CHIEVO-BENEVENTO 1-0

Giusto annullare la rete di Inglese: in off side al momento del lancio di Birsa. E’ invece corretta la posizione di Inglese al momento del tiro di Hetemaj, respinto da Puggioni.

FABBRI

MILAN-FIORENTINA 5-1

Regolare la rete di Simeone: non c’è fallo di Dabo su Bonucci sull’avvio dell’azione, è Rodriguez che tiene in gioco il Cholito al momento dell’assist di Chiesa. Regolare la rete di Cutrone del 4-1: sul passaggio di Calhanoglu, è dietro la linea del pallone. Ancora un gol di Cutrone, ma stavolta è in off side sul passaggio di Rodriguez.

 

BANTI

NAPOLI-CROTONE 2-1

Buona la partita di Banti, un solo episodio da rivedere alla moviola: tiro di Trotta respinto da Koulibaly con il braccio destro che è attaccatissimo e raccolto al corpo, nessun dubbio.

DI BELLO

SPAL-SAMPDORIA 3-1

Non bene (tutt’altro) Di Bello: assegna un rigore che non c’è, episodio che contribuisce all’espulsione di Caprari. Il rigore: tiro di Viviani, Caprari davanti a lui ha solo la mano (neanche il braccio) fuori dalla figura, il pallone colpisce anche il ginocchio e schizza, il penalty e il giallo sono invenzione. Caprari interviene col piede a martello su Felipe, arriva il secondo giallo, questo ci può stare, ma il primo... Ok la rete del 3-0, tutto regolare nello scambio VivianiAntenucci. Annullato un gol a Paloschi: giusto, sull’avvio dell’azione Antenucci ha una gamba in off side.

 

GAVILLUCCI

UDINESE-BOLOGNA 1-0

Francamente inspiegabile come Gavillucci (in campo) e Doveri (al VAR) abbiano fatto passare il gomito largo di Dzemaili: la distanza fra lui e Lasagna che tira è abbondante, il gomito si sposta verso il pallone ed è largo, non c’è stata neanche la “furbizia” di andarlo a rivedere. Ok annullare la rete di Lasagna: in fuorigioco al momento del tiro di Larsen respinto da Da Costa.

ABBATTISTA

SASSUOLO-ROMA 0-1

Settima direzione in A per Abbattista, la partita non è particolarmente difficile. Giudica non punibile un tocco di mano di Gonalons all’interno dell’area: il braccio in effetti è basso, sia pure staccato dal corpo ma comunque non larghissimo. Giusto il giallo per Fazio (da dietro su Politano). Giudica con lo stesso metro (nessun rigore) due contrasti nelle due aree, Florenzi-Berardi e Rogerio-Schick: decisione che ci sta.

ROCCHI

LAZIO-INTER 2-3

Non una partita semplice, affatto. Cambiata nell’ultimo quarto d’ora, quando sembrava (arbitralmente parlando) quasi finita. Invece è successo di tutto. Rigori dati e tolti (giustamente) dal VAR, un penalty netto, un rosso per un’ingenuità. Rocchi, l’arbitro che andrà ai Mondiali, l’ha diretta con grande attenzione, anche modificando il suo consueto modo di dirigerla: 5 ammoniti in 45 minuti, i primi, quando prima di ieri sera aveva una media di 4,60 cartellini gialli a partita, non sono nel suo Dna. Ma questo serviva, evidentemente, per una... finale.

DOPPIO GIALLO - Partiamo dalla fine, dal secondo giallo a Lulic: il fallo è a centrocampo (non una zona pericolosa) ma in ritardo su Brozovic. Il metro usato con i cartellini (come detto) alto (metro che giustifica anche il primo giallo), non poteva non essere giallo.

RIGORE SÌ - Nessun dubbio sul rigore assegnato all’Inter: l’intervento di De Vrij è sui piedi di Icardi, sfiora il pallone, poi travolge l’avversario.

RIGORE NO - Di spalla il tocco di Milinkovic sul pallone svirgolato da Marusic, il movimento del braccio destro probabilmente induce Rocchi a fischiare subito, di getto, il rigore, Irrati al VAR è stato bravissimo a chiamarlo al video. Rigore revocato (anche l’on field review è stato velocissimo), come era successo all’andata (allora, però, alla Lazio).

LIMITE - S’è discusso sul gol di D’Ambrosio, la decisione è al limite: ma il giocatore dell’Inter colpisce il pallone, contemporaneamente con il braccio di Strakosha, che non ha la mano destra sul pallone, dunque non ha possesso. Al limite anche il giallo per Miranda, sull’entrata su Murgia: è molto dura.

Lazio, le lacrime di De Vrij e la disperazione di Milinkovic-Savic