Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Corriere dello Sport

LIVE

Hamsik: «Se vinciamo lo scudetto lascio la fascia a Insigne»

Vai alla versione integrale
© FOTO MOSCA
Il capitano del Napoli ha presentato la propria biografia: «Io regista? Ancelotti ha sempre voluto così»

NAPOLI - «I tre momenti più belli della mia carriera in azzurro? Sicuramente il mio arrivo a Napoli, quando non sapevo cosa mi aspettava e invece questa città mi ha saputo conquistare con l'affetto e il calore dei tifosi. Poi direi la prima vittoria della Coppa Italia festeggiata con l'abbraccio della città e infine forse il record di gol di Maradona battuto lo scorso anno». Hamsik a ruota libera. L’occasione è stata quella della presentazione della sua biografia (‘Marekiaro’, ndr) a Castel Volturno: il capitano ha parlato di tutto, dal rapporto con Ancelotti al futuro. «Napoli mi ha sempre dato tanto amore, i tifosi mi vogliono bene. Non capita a tutti e sono orgoglioso di questo rapporto tra me e la città. L’allenatore? Ancelotti già con la prima telefonata mi voleva davanti la difesa – ha detto lo slovacco -. Ci sto lavorando e speriamo sempre di migliorare». Nella prossima sfida di campionato ci sarà la Fiorentina e la testa non può che tornare alla partita dello scorso anno, persa al Franchi per 3-0: «Sono rimasto senza parole, ti cade tutto addosso. Ma questo capita nella vita, bisogna dimenticare tutto il più velocemente possibile perché ti aspetta un’altra battaglia. Il sogno è sempre lo stesso, lo merita la città».

FASCIA A INSIGNE - «È un bel gruppo, possiamo fare davvero tanto. Il capitano del futuro? Spero Insigne, è un napoletano ed è un simbolo del Napoli. Sarebbe bello. Bruscolotti per lo scudetto lasciò la fascia di capitano a Maradona, ma noi non abbiamo Maradona purtroppo (ride, ndr). Abbiamo giocatori forti, ma non Diego. Se Insigne me lo assicurasse al 100% gliela darei (ride, ndr). Finire la carriera qui? Può essere, non posso dirlo con certezza ma ne sarei sicuramente fiero».

CORI RAZZISTI – Hamsik ha anche detto la sua sui cori contro la città di Napoli e i napoletani: «Non li capirò mai perché fanno male e sono inutili. Non viene presa di mira soltanto la città, ma anche qualche mio compagno».

Verdi finisce nel presepe napoletano

Informativa
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. X