Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Corriere dello Sport

LIVE

Volley: A2 Maschile, il libero di Livorno è Pochini

Vai alla versione integrale
L'esperienza del perugino classe '89, che ha appena vinto il campionato con Siena, al servizio di Montagnani

LIVORNO-Un perugino DOC per la ricezione dell’Acqua Fonteviva Livorno. E’ Filippo Pochini il libero che Paolo Montagnani ha scelto per garantire palloni giocabili alla regia di Igor Jovanovic. Classe ’89, Pochini arriva alla Fonteviva dopo una promozione in Superlega conquistata con Siena e con una voglia matta di vincere ancora.

LE PAROLE DI FILIPPO POCHINI-
 

Allora Filippo, arrivi alla Fonteviva dopo una stagione fantastica a Siena. Cosa ti porti dietro di quell’esperienza? 

« L’ultimo anno è stato assolutamente spettacolare. Era il mio terzo anno a Siena e con l’Emma Villas ho compiuto tutto il percorso dalla B2 alla Superlega e ne sono molto orgoglioso. Vengo alla Fonteviva con grandi aspettative. Erano alcuni anni che il Presidente Vullo mi contattava per avermi in squadra e questa volta ci siamo riusciti. Inoltre sono curioso di lavorare con un tecnico come Montagnani che conosco di fama ».

Che squadra sarete? 

« Come ha detto anche l’allenatore, una squadra fisica. Conosco ragazzi come Zonca, Miscione, Jovanovic e sono sicuro che batterci non sarà facile per nessuno. Sarà importante cosa ci trasmetterà l’allenatore anche perché io sono uno dei più grandi e quindi siamo una squadra giovane. Una gran bella avventura non vedo l’ora di iniziare ».

Aldilà della grande stagione di Siena arrivi alla Fonteviva portandoti dietro un bagaglio di esperienze importante da mettere a disposizione del gruppo. Insomma, il tuo è uin curriculum importante. 

« Si ho fatto molte esperienze. Ho fatto quattro promozioni e vinto tre Coppe Italia ma in effetti questo sarà solo il mio secondo anno in A2. Io sono convinto che la vittoria più bella sia quella che deve ancora arrivare e vado in palestra con questa mentalità. Il curriculum è importante perché racconta di anni in cui sono cresciuto e sono migliorato come giocatore. Poi, però, c’è il campo e lì il curriculum non conta niente. Io arrivo alla Fonteviva con la voglia di dimostrare di poter vincere ancora ».

Descriviti ai tuoi nuovi tifosi. Che tipo di libero sei? 

« Sono un libero tecnico che da il meglio di sé in ricezione. Nella mia carriera ho avuto la fortuna di avere allenatori molto attenti ai fondamentali e quindi sicuramente posso dire che il mio punto di forza è la tecnica e non mi affido solo all’istinto ».