Damiano Cima vince la 18ª tappa del Giro d'Italia. Carapaz resta in rosa

© LAPRESSE

Il ciclista della Nippo-Vini Fantini-Faizanè precede tutti sul traguardo di Santa Maria di Sala. In classifica generale Nibali rimane a 1'54'' dal leader

SANTA MARIA DI SALA (Venezia) - Damiano Cima vince dopo una strepitosa prova la 18ª tappa del Giro d'Italia. Il ciclista della Nippo-Vini Fantini-Faizanè taglia per primo il traguardo posto a Santa Maria di Sala e precede il tedesco Pascal Ackermann e l'altro azzurro Simone Consonni. Rimane tutto invariato nella classifica generale: Richard Carapaz resta in maglia rosa con un vantaggio di 1'54'' su Vincenzo Nibali e di 2'16'' su Primoz Roglic.

GIRO, CONTI SI RITIRA

La Tappa da Valdaora a Santa Maria di Sala

Una prestazione meravigliosa di Damiano Cima, che tenta la fuga a oltre 160 km dall'arrivo. Insieme a Maestri e Denz, il portacolori della Nippo-Vini Fantini-Faizanè inizia a prendere il largo, che tocca oltre i 5 minuti sul gruppo della maglia rosa quando al traguardo mancano 95 km. Il gruppo di inseguitori inizia a rosicchiare qualcosa sui battistrada, ma a 40 km dall'arrivo il vantaggio dei fuggitivi rimane sempre abbondante. Chilometro dopo chilometro il gruppone si avvicina e quando arriva l'ultimo chilometro sono poche centinaia di metri a dividere la testa della corsa dagli inseguitori. Sembra ormai che il terzetto dei fuggitivi venga inglobato dal resto degli atleti, invece Damiano Cima scatta e lascia tutti dietro di sé, anche Ackermann, che era rientrato negli ultimi chilometri. Il tedesco, al traguardo, si sfoga con un gesto di stizza: vince Damiano Cima, seconda vittoria in carriera per l'azzurro. Nella 19ª tappa si torna a pedalare in salita: 151 km decisivi per il podio, si va da Treviso a San Martino di Castrozza.

Articoli correlati

Commenti

Dalla home

Vai alla home