De Paul, il Napoli ci prova. E nei piani anche Lasagna

© ANSA

Giuntoli ha già avuto più di un approccio con l’Udinese per avere entrambi: per l’argentino servono 35 milioni, gli azzurri provano a sorpassare l’Inter. E il nazionale è un vecchio pallino del diesse

NAPOLI - La doppia operazione Meret-Karnezis chiusa la scorsa estate sull’asse Udinese-Napoli non sarà l’ultima. Il feeling tra i dirigenti bianconeri e azzurri è forte: tra un paio di mesi, ci sarà tempo per sedersi attorno a un tavolo. La prossima operazione sarà legata a uno tra De Paul e Lasagna, entrambi molto apprezzati dagli azzurri: Giuntoli li stima parecchio e anche Ancelotti ne apprezza le qualità. Per tutti e due ci sono stati approcci: per De Paul Giuntoli ha chiesto informazioni a gennaio affrontando anche il discorso legato alla valutazione nonostante l’Udinese non intendesse privarsene subito. Valutazione che, secondo i dirigenti bianconeri, si aggira sui 30-35 milioni. Un’asta tra l’Inter, che a gennaio aveva chiesto informazioni ed è ancora interessata, e il Napoli, che lo segue spesso alla Dacia Arena, inevitabilmente farebbe salire il prezzo anche se De Laurentiis quando vuole fortemente un calciatore cerca sempre di anticipare la concorrenza sul tempo mettendo i contanti sul tavolo. Così si è comportato con Verdi, preso dal Bologna la scorsa estate (dopo il no del calciatore nella precedente sessione invernale), e così potrebbe fare con De Paul. 

LASAGNA - E poi c’è Lasagna che ultimamente con due reti consecutive a Juventus e Napoli ha rotto un digiuno che durava da tre mesi e si è guadagnato la chiamata in Nazionale. Su di lui, a stima di Giuntoli che nel 2014 lo ha portato con una brillante intuizione al Carpi per appena 75.000 euro. Ma per parlare del matrimonio tra il Napoli e Lasagna è necessario che prima ci siano delle uscite visto che nel ruolo di prima punta Ancelotti ha Milik, Mertens più Inglese in prestito al Parma

 

Articoli correlati

Commenti

Dalla home

Vai alla home