Genoa-Juve 1-3: Dybala, CR7 e Douglas Costa, +4 sulla Lazio

© ANSA

I rossoblù durano un tempo poi vengono travolti: apre la Joya con una danza in area, raddoppia Ronaldo con una fucilata, il brasiliano entra e sigilla. Di Pinamonti il gol della bandiera genoana

ROMA - In crescita di lucidità, manovra, precisione e qualità, la Juve abbatte l'ostacolo Genoa con tre meraviglie dei suoi attaccanti e rintuzza l'assalto Lazio rimettendo i biancocelesti a quattro lunghezze di distanza. Le barricate di Nicola durano un tempo per poi crollare rovinosamente nella ripresa: una giocata deliziosa di Dybala, un missile di Cristiano Ronaldo dalla distanza, un arcobaleno disegnato da Douglas Costa e in una ventina di minuti la squadra di Sarri si prende i tre punti, con la punta velenosa del 3-1 di Pinamonti unica macchia a sporcare la trasferta vittoriosa in Liguria.

Genoa, quanta Juve in campo. Buffon in panchina, Danilo e Rabiot titolari

Cinque ex Juve in campo per Nicola (Perin, Masiello, Sturaro, Cassata e Favilli) a cui si aggiunge Romero di proprietà del club bianconero. Davanti c'è anche Pinamonti, che Raiola vorrebbe portare a Torino. A completare la formazione Soumaoro la qualità di Schöne in regia, l'intensità di Behrami e Ghiglione sulla destra. Dall'altra parte Sarri sceglie Szczesny, per Buffon record di presenze in A rimandato al derby col Torino la prossima giornata. Danilo rientra dopo il turno di squalifica e si piazza terzino sinistro, con Rabiot davanti a lui nel centrocampo con Pjanic e Bentancur. Davanti Dybala, CR7 e Bernardeschi. Prima conclusione del match di Dybala, sinistro deviato in angolo, primo giallo per Favilli che entra durissimo su Bonucci.

Partita a una porta, Perin strepitoso su Cristiano Ronaldo

Partita a una porta: Bernardeschi e Ronaldo impegnano da fuori area Perin, poi De Ligt e Bonucci cadono in area chiedendo il rigore, Calvarese aspetta il check del Var e lascia continuare. CR7 continua a provare dalla distanza, di destro e sinistro, la manovra della Juve è fluida e crea trame interessanti: Bernardeschi e Dybala dalla destra dell'attacco arrivano a pochi passi dalla porta, Rabiot di testa impegna Perin che si supera nel finale, negando a una fucilata di CR7 destinata all'incrocio il gol del vantaggio. Si va all'intervallo con il giallo a Bonucci per un intervento da dietro su Favilli. 

Guizzo Dybala, missile Ronaldo, perla Douglas Costa: tris e +4 sulla Lazio

Lerager per Schöne e Sanabria per l'ammonito Favilli le scelte di Nicola al rientro in campo, la partita non cambia e la Juve riesce a sbloccarla dopo cinque minuti: super giocata di Dybala, che entra in area e tra tre avversari danza liberando il sinistro che Perin può solo toccare, senza riuscire a toglierlo dalla porta. 1-0 e Genoa costretto a uscire dalla sua metà campo, lasciando spazi importanti: Bernardeschi su cross di Cuadrado sfiora il palo di testa, poi Pjanic innesca Cristiano Ronaldo che fa partire una fucilata terrificante da 25 metri a fil di palo, senza lasciare speranza a Perin. E' il 56', partita virtualmente chiusa con il gol numero 24 del portoghese in 25 partite. Arrivano i gialli a Sturaro e Cassata, entrano Barreca e Douglas Costa con il brasiliano che mette la ciliegina sulla vittoria con una perla a giro dal limite. Serenità anche per Sarri, che richiama Pjanic per Ramsey e un Cristiano sorridente per Higuain. Pinamonti con una bella giocata in area mette alle spalle di Szczesny la sua candidatura a diventare bianconero la prossima stagione ma il gol non spaventa più di tanto una Juve ormai padrona del risultato: Matuidi per Rabiot e Olivieri (esordio in Serie A) per Dybala le ultime sostituzioni prima del fischio finale che sancisce il +4 sulla Lazio ripristinato e porta i bianconeri verso il derby.

 

Articoli correlati

Commenti

Dalla home

Vai alla home