CR7, su Der Spiegel i documenti dell'accordo. «Ci sarebbe una seconda accusatrice»

Ronaldo e la donna statunitense, stando alle carte datate gennaio 2010, si accordarono in via extragiudiziale pochi mesi dopo l'episodio, che secondo la versione di Mayorga costituì una violenza. In Inghilterra scrivono che ci sarebbe un'altra presunta vittima disposta a venire alla luce

BERLINO - Un accordo scritto "sulla cui autenticità non c'è motivo di dubitare, e fin qui non lo hanno fatto neanche gli avvocati di Cristiano Ronaldo": "Der Spiegel" pubblica i documenti relativi alla vicenda del 2009 per la quale il fuoriclasse portoghese è accusato di stupro ai danni dell'ex modella Kathryn Mayorga. Ronaldo e la donna statunitense, stando alle carte datate gennaio 2010, si accordarono in via extragiudiziale pochi mesi dopo l'episodio, che secondo la versione di Mayorga costituì una violenza. Ieri l'avvocato della presunta vittima, Leslie Stovall, ha affermato che "la Polizia americana avrebbe perso tutto, ovvero le dichiarazioni della sua assistita, oltre agli indumenti e alla biancheria indossata nella notte incriminata dalla stessa Mayorga".



NUOVA INDAGINE - Queste prove erano state depositate, a detta del legale, nel 2009, dopo la visita medica effettuata in ospedale dalla donna. Adesso, dunque, potrebbe cominciare una nuova indagine per cercare gli elementi di allora smarriti; inoltre si starebbe cercando nuovo materiale per sostituire le prove perse. (Ha collaborato Italpress)

SOLIDARIETA' DEL PREMIER PORTOGHESE - Fa breccia sui media internazionali la difesa d'ufficio del primo ministro del Portogallo, Antonio Costa, nei confronti di Cristiano Ronaldo dopo l'accusa di stupro. Accusa al momento priva di riscontri sufficienti, nelle parole di Costa, che in un'intervista televisiva rilasciata ieri dall'isola di Lanzarote, in Spagna, e ripresa in queste ora fra gli altri dal New York Times e dal britannico Sun, invoca "la presunzione d'innocenza", per l'attaccante della Juve. "Non è sufficiente essere accusati per diventare colpevoli", afferma Costa aggiungendo che "se c'è qualcosa di cui abbiamo la prova è che (Ronaldo) è uno straordinario professionista, uno straordinario calciatore e qualcuno che ha dato prestigio al Portogallo". "Di certo - conclude il premier - tutti ci auguriamo che nulla possa macchiare questo curriculum".

POSSIBILE SECONDA ACCUSATRICE - Un curriculum che invece l'avvocato della presunta vittima considera già macchiato: evocando dagli Usa - come scrive ancora il Sun - anche l'esistenza di una possibile seconda accusatrice per ora anonima disposta, pare, a venire alla luce.

Articoli correlati

Ultimissime

Commenti

Dalla home

Vai alla home