«Juve, niente Usa per evitare problemi giudiziari a Ronaldo»

Il New York Times rivela che i bianconeri giocheranno la prossima International Champions Cup in Asia, al contrario delle ultime stagioni nelle quali sono stati protagonisti in territorio nordamericano, per tenere lontano il rischio di un possibile fermo del portoghese

ROMA - L'annuncio è arrivato oggi, attraverso i social ufficiali bianconeri: la Juventus torna a giocare l'International Champions Cup in estate. La notizia però non è questa, ma il fatto che - anche se ufficialmente le location e il calendario del torneo saranno resi noti solo il prossimo 27 marzo - la societa campione d'Italia non giocherà il torneo negli Stati Uniti, bensì in Asia, tra Cina e Singapore. A rivelarlo è il New York Times, che oltre a svelare anche gli avversari della Juve (Tottenham e Manchester United, ad oggi possibili avversari in semifinale e in finale di Champions League se il cammino europeo della Vecchia Signora dovesse continuare),

mette in evidenza che la scelta di "allontanarsi" dagli Usa sarebbe stata presa in accordo con gli organizzatori dell'ICC per evitare ogni possibile conseguenza penale a Cristiano Ronaldo, che sul territorio statunitense è in questo momento nel mirino delle autorità per quanto riguarda il caso Mayorga. I bianconeri hanno giocato la competizione negli Usa nel 2013, nel 2017 e nel 2018, con una parentesi australiana nel 2016.

L'ARTICOLO DEL NEW YORK TIMES - «Gli organizzatori del torneo hanno deciso di tenere la Juventus e la sua star Cristiano Ronaldo lontano dagli Stati Uniti per quest'anno, eliminando così per il campione portoghese ogni possibile rischio di essere trattenuto dalle autorità per il caso di presunta violenza sessuale nei confronti della Mayorga riaperto a Las Vegas».

I soldi della multa? Ronaldo li guadagna in meno di due ore

Queste le affermazioni del NYT, che riporta anche la risposta di un rappresentante della Juve non meglio identificato: «Un rappresentante della Juventus, che al momento è in piena corsa per vincere l'ottavo titolo italiano consecutivo, ha dichiarato che "andare a Est" in Asia è una scelta del tutto normale dopo aver passato negli USA le scorse preseason». 

IL VERDETTO UEFA - Intanto per CR7 sono ore di attesa, ma per un altro motivo: è in arrivo il verdetto della Uefa sulla sua esultanza alla fine di Juventus-Atletico Madrid 3-0. Il portoghese è sotto inchiesta da parte della commissione disciplinare per "condotta impropria" e le possibili sanzioni vanno dalla multa alla squalifica per una o più giornate. 

«Caso Cristiano Ronaldo-Mayorga potrebbe durare due anni»

 

Articoli correlati

Commenti

Dalla home

Vai alla home