Caso Suarez, la rabbia di Paratici. Spunta Chiappero

© ANSA

Il dirigente della Juve si dice estraneo alla vicenda. Il legale tirato in ballo per una videocall

TORINO - Paratici, l’ora dell’amarezza. Non è stato un risveglio facile, quello di ieri, per il direttore dell’area tecnica della Juventus. Dopo essersi trovato sulle prime pagine dei giornali, dopo che il suo nome è comparso nelle intercettazioni degli indagati al vaglio degli inquirenti di Perugia, il dirigente bianconero ha provato un misto di stupore, dispiacere, incredulità. A chi gli sta accanto ha ribadito di non avere nulla a che fare con l’affaire Suarez e con «l’esame farsa» di italiano del bomber uruguaiano. E questo nonostante dai dialoghi tra i dipendenti dell’Università per Stranieri di Perugia emerga che lui si sarebbe «interessato» alla vicenda e di lui si parli come persona addirittura «più importante di Mattarella». Sono proprio questi toni che hanno sorpreso Paratici che, a chi lo ha sentito ieri, ha ribadito di non aver avuto un ruolo nella questione. Se non quello di aver riportato al telefono al rettore dell’Università degli Studi del capoluogo umbro, Maurizio Oliviero, il fatto che l’entourage di Suarez era contento di come il giocatore era stato accolto all’Università per Stranieri. Particolare temporale: la chiamata sarebbe avvenuta dopo l’esame sostenuto dal centravanti, quando cioè la Juve aveva già abbandonato da alcuni giorni l’idea di mercato di arrivare al Pistolero per i tempi troppo lunghi per completare l'iter della cittadinanza italiana e del passaporto comunitario.

CHIAPPERO - Altro capitolo riguarda Luigi Chiappero, legale della Juventus. In base ad alcuni rumors emersi da fonti vicine all'inchiesta a Perugia, l’avvocato avrebbe partecipato ad una delle riunioni in videoconferenza con i rappresentanti dell'Università per Stranieri insieme alla collega Maria Turco - che si è occupata della vicenda mantenendo i contatti con Suarez e con l’ateneo perugino -, un altro assistente dello studio e il direttore generale dell'Università, Simone Olivieri, uno degli indagati. Circostanza che è stata smentita, però, da fonti vicine al club bianconero che precisano come l'avvocato Chiappero abbia assistito alla conversazione a distanza tra Turco e Olivieri, fatta al solo scopo di ottenere «indicazioni burocratiche» sull'esame, senza prendere la parola ma soltanto ascoltando il colloquio.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna del Corriere dello Sport - Stadio

Articoli correlati

Commenti

Dalla home

Vai alla home