Ultrà della Lazio mostrano uno striscione per Mussolini vicino piazza Loreto

Provocazione alla vigilia del 25 aprile: «Onore a Benito Mussolini». Erano circa una cinquantina di tifosi in trasferta a Milano per la semifinale di coppa Italia

MILANO - «Onore a Benito Mussolini». Questa la provocazione neofascista firmata dagli Irriducibili della Lazio, in trasferta a Milano per la semifinale di Coppa Italia contro il Milan. Intorno alle 14 un nutrito gruppo di ultrà biancocelesti (in tutto circa una cinquantina) ha esposto in corso Buenos Aires, vicino a piazzale Loreto, uno striscione con la scritta per il duce accompagnato da saluti romani e da canti e slogan fascisti.

VIDEO, CORI PRO MUSSOLINI E SALUTI ROMANI A MILANO

La risposta di Roberto Cenati, presidente milanese dell'Anpi, non si è fatta attendere: «È insopportabile che avvengano simili provocazioni alla vigilia del 25 Aprile. Chiediamo alle autorità di individuare i responsabili».

LA NOTA DEL CLUB - 'La Lazio prende nettamentele distanze da comportamenti e manifestazioni che non rispondono in alcun modo ai valori dello sport sostenuti e promossi dalla società da 119 anni''. Il club biancoceleste stigmatizza con ujna nota all'Ansa il comportamento di quegli ultrà che nel pomeriggio hanno esposto a piazale Loreto a Milano uno striuscione che inneggiava a Mussolini. Nello stesso tempo la Lazio nella sua nota ''respinge e contesta la tendenza semplicistica di alcuni media a considerare l'intera tifoseria laziale corresponsabile di atti compiuti da pochi ed isolati elementi per motivazioni estranee ad ogni forma di passione sportiva. La società - conclude la presa di posizione del club biancoceleste - si è sempre battuta per il rispetto della legalità e della correttezza dei comportamenti''.

Articoli correlati

Commenti

Dalla home

Vai alla home