Roma-Zaniolo, è stallo. Nessun incontro con l’agente, Juve e Tottenham in agguato

© ANSA

Il club giallorosso vorebbe trattenerlo, ma potrebbe essere 'sacrificato' senza i 45 milioni di plusvalenze entro il 30 giugno 

ROMA - Nessun appuntamento in agenda, nessun incontro in programma con la Roma che intanto è costretta vendere giocatori entro il 30 giugno per realizzare 45 milioni di plusvalenze. Il famoso rinnovo di Nicolò Zaniolo è ancora in standby, mentre aumentano le voci di una sua possibile partenza in direzione Torino o Londra. 

Il nodo della questione è sempre lo stesso: l'assenza a Trigoria di un direttore sportivo. Petrachi è ancora sotto contratto con il Torino e sta facendo più fatica del previsto a liberarsi, di conseguenza il diesse non ha ancora contattato l’agente di Zaniolo per risolvere la questione. Un incontro c’è stato martedì scorso, ma tra Vigorelli e la famiglia del ragazzo: argomenti di discussione ovviamente lo stallo della trattativa e le offerte pervenute per il centrocampista. La Juventus insiste per averlo e avrebbe anche in mente diverse opzioni per intavolare la trattativa: 40 milioni di euro o uno scambio con Higuain, più una decina di milioni da versare nelle casse giallorosse. Rimane anche in piedi la pista che porta al Tottenham. Il club londinese è fortemente interessato al giocatore, ma al momento non andrebbe oltre a un’offerta di 35 milioni. Pochi per la Roma che lo valuta almeno quindici in più. 

Roma, Totti pensa all'addio: e la Figc lo chiama

Attenzione, perché comunque la priorità del club giallorosso è di trattenere Zaniolo, che al momento percepisce 270mila euro più bonus. La Roma lo ha utilizzato per la presentazione della nuova maglia, e c’è il volto del ragazzo anche nello spot per la campagna abbonamenti. La questione legata alle plusvalenze però è critica e potrebbe costringere Petrachi a sacrificare un giocatore che in un colpo solo risolverebbe qualsiasi problema finanziario. 

Dzeko, Manolas, Ponce, Defrel, Kolarov e Gerson sono gli indiziati a lasciare la capitale entro il 30 giugno per raccogliere i famosi 45 milioni, ma se le trattative andassero per le lunghe l’ipotesi cessione di Zaniolo verrebbe presa in considerazione. Nicolò vuole rimanere alla Roma, la sua priorità è crescere in giallorosso e giocare da titolare anche in vista degli Europei 2020. Non ha ancora parlato con Fonseca che in questi giorni sta contattando tutti i giocatori della rosa. Adesso è in ritiro con l’Under 21, si sta preparando per l’esordio degli Azzurrini all’Europeo. Domenica a Bologna ci sarà la famiglia al completo, più Vigorelli: ad oggi non sono previsti incontri al Dall’Ara con i dirigenti della Roma, ma il silenzio assordante del club aumenta i dubbi sul futuro di Zaniolo. 

Totti e la Roma, è ora di chiarire

Articoli correlati

Commenti

Dalla home

Vai alla home