Bologna, Mihajlovic mette il veto su Pulgar

© FOTO SCHICCHI

Il cileno ha una clausola rescissoria di 12 milioni e il club vuole evitare sorprese: servirà rinegoziare il contratto

BOLOGNA - Ha detto che per lui il Bologna è più di una squadra, è quasi una famiglia. Erick Pulgar vorrebbe restare qui, nel posto che lo accolto, svezzato e lanciato. Il senso di una fine sembra lontano. Soprattutto giocando in un club che gli ha ridato una dimensione umana ancora prima di quella professionale. Eppure quella di Pulgar non è un caso facile. Appena sbrogliate le questioni che lo riguardano, Sinisa Mihajlovic prederà in pugno la situazione e parlerà con il ragazzo. Lo vuole mettere al centro del progetto rossoblù, gli vuole dare ancora più responsabilità e dunque cercherà di convincerlo che è ora di fare il salto di qualità definitivo. C’è feeling tra Pulgar e Sinisa, i due si stimano, e Mihajlovic è convinto di poter tirare fuori ancora più carattere da un ragazzo che conosce anche il valore della timidezza.

C’è, però, la questione legata al contratto. La clausola da 12 milioni di euro è stata inserita nel contratto nell’ultimo ritocco del contratto. Era gennaio, ci fu un adeguamento dello stipendio e un prolungamento fino al 2022 più l’inserimento di questa clausola. Il cileno non stava giocando un grande campionato e 12 milioni, in fondo, sembravano sufficienti per soddisfare tutti. Anche perché Pulgar era arrivato sotto le due torri a 2,5 milioni di euro, aveva uno stipendio ben più contenuto: una cessione a quella cifra rappresentava già una bella plusvalenza. Ora è diverso. Le squadre che potrebbero bussare alla porta del giocatore sono molte, e non solo in Italia. Liga, Bundes, anche in Premier. Pulgar è impegnato con il Cile in Coppa America, al suo rientro ridiscuterà qualcosa. Al momento è difficile, si resta nel campo delle ipotesi, ma è probabile che la clausola venga alzata anche a venti milioni di euro.

LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO SULL'EDIZIONE ODIERNA DEL CORRIERE DELLO SPORT

Articoli correlati

Commenti

Dalla home

Vai alla home