Mondiale per Club, Civitanova perde con lo Zenit ma non fa male

© Fivb

La squadra di De Giorgi vince i primi due set, conquista il primo posto matematico nel girone poi, con le seconde linee in campo, si arrende 2-3 (25-12; 25-23; 12-25; 20-25; 10-15) allo squadrone russo

BETIM (BRASILE)- Alla fine la supersfida fra Cucine Lube Civitanova e Zenit Kazan si conclude con la vittoria in rimonta al tie break 3-2 (12-25, 23-25, 25-12, 25-20, 15-10 ) dei russi, ma per la formazione di De Giorgi è una battuta d'arresto che non lascia il segno. Vincendo i primi due set della partita infatti Anzani e compagni hanno conquistato matematicamente il primo posto nella pool di qualificazione, il resto è stata quasi accademia con le seconde linee dei cucinieri in campo. Rychicki, unico dei biancorossi rimasto in campo per tutta la gara, è il top scorer biancorosso con 14 punti.

Ora per Juantorena e compagni ci sarà l’appuntamento con la Semifinale: sabato alle ore 18.00 italiane (Diretta Sky Sport) i campioni d’Italia e d’Europa scendono in campo per giocarsi l’accesso alla Semifinale. L’avversario della Cucine Lube Civitanova (la quarta classificata nel girone) si deciderà dopo la sfida tra Sada e Al-Rayyan di stasera: ai brasiliani basta un set contro i qatarioti per evitare il quarto posto.

LA CRONACA DEL MATCH-

Fefè De Giorgi riparte ancora da Bruno-Rychlicki, Simon-Bieniek, Juantorena-Leal, Balaso libero. Per Verbov in campo Butko-Sokolov, Volvich-Kononov, Mikhaylov-Ngapeth, Golubev libero.

Primo break di marca Cucine Lube con il servizio di Bieniek che picchia dura sulla ricezione russa (3-6) mentre Rychlicki da posto quattro e a muro scava il +5 (5-10). I biancorossi dominano anche dei nove metri con Leal che si scatena con tre ace consecutivi (8-16): la sua serie prosegue per altri 5 servizi, Juantorena concretizza in contrattacco e i biancorossi volano sull’8-21. Kazan è alle corde e il set che già regala il primo posto nel girone alla Cucine Lube finisce 12-25. Quattro ace e 75% in attacco per i campioni d’Europa.

De Giorgi cambia praticamente tutta la squadra nel secondo set: in campo D’Hulst-Rychlicki (Ghafour è fermo per un problema alla schiena), Diamantini-Anzani al centro, Kovar-Massari in banda, Marchisio libero. La Cucine Lube parte bene con Massari (3-6) e Kovar (5-9) in attacco ma il Kazan reagisce grazie al turno al servizio di Ngapeth che ribalta la situazione (12-10). Il francese con due errori però rilancia in biancorossi (15-17 e 16-19: i cucinieri tengono il break (20-23) e chiudono 23-25 sfruttando i 13 errori punto dei russi.

Il Kazan prova a reagire nel terzo set guidato da Ngapeth (7-5 e 12-8), Volvich fa buona guarda a muro (14-8) e la Cucine Lube Civitanova fatica in attacco rispetto ai set precedenti, con i russi meno fallosi in ogni fondamentale. I biancorossi non si ritrovano e il Kazan allarga nettamente il break fino al 25-12 finale crescendo anche in attacco (70%) e al servizio. Ngapeth 100% in attacco.

La Cucine Lube Civitanova regge meglio l’impatto con la voglia di rimonta del Kazan nel quarto set: Anzani si fa sentire a muro e in attacco (6-5), Kovar aggancia due volte (8-8) e (15-15) e i campioni d’Italia restano attaccati al parziale fino al 20-20. Poi Sokolov e Ngapeth prendono le redini del gioco e trascinano la sfida al tie-break (25-20).

Il Kazan trova il primo strappo nel tie break con Sokolov (5-3), Anzani è ancora attento a muro (5-5): l’equilibrio è spezzato da un’invasione di D’Hulst su palla a filo rete (9-7), lo Zenit non molla la presa e chiude 15-10 con break di 3-0 nel finale.

I PROTAGONISTI-

Fefè De Giorgi (Allenatore Cucine Lube Civitanova)- « Siamo contenti di aver preso il primo posto nel girone, credo che sia stato meritato ed è un ulteriore passo in avanti in questo Mondiale per Club. La partita di oggi è stata di alti e bassi ma l’aspetto importante è stato dare spazio in campo a chi ha giocato meno per fare prendere un po’ di ritmo partita. Ora abbiamo un giorno per recuperare un po’ di energie e prepararci al meglio per la Semifinale di sabato ».

Simone Anzani (Cucine Lube Civitanova)- « Abbiamo raggiunto il nostro obiettivo, essere primi nel girone, era quello che ci eravamo prefissati. Venerdì lavoreremo per recuperare le energie ed arrivare a sabato nel migliore dei modi. Non penso già alla Finale, in questi tornei bisogna pensare partita per partita e basta, guardando in casa nostra: se giochiamo come sappiamo non dobbiamo preoccuparci di chi c’è dall’altra parte ».

Andrea Marchisio (Cucine Lube Civitanova)- « E’ stata una partita abbastanza difficile contro una squadra fortissima, per me poter scendere in campo è stato duro ma al tempo stesso una bella emozione, in un contesto nel genere. Domani ci alleneremo per tenere alto il ritmo, ci aspetta una Semifinale e per arrivare fino in fondo dovremo vincere contro ogni tipo di avversario ».

IL TABELLINO--

ZENIT KAZAN- CUCINE LUBE CIVITANOVA 3-2 (12-25, 23-25, 25-12, 25-20, 15-10 ).

ZENIT KAZAN: Sokolov 19, Voronkov 2, Surmachevskiy 2, Volvich 5, Alekno, Likhosherstov n.e., Ngapeth 15, Kononov, Krotkov (L), Butko 3, Samoylenko 7, Zemchenok 1, Golubev (L), Mikhaylov 17. All. Verbov.

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Anzani 7, Kovar 7, D’Hulst 1, Marchisio (L), Juantorena 6, Massari 7, Leal 4, Ghafour n.e., Rychlicki 14, Diamantini 6, Simon 2, Bruno, Bienek 2, Balaso (L). All.: De Giorgi.

ARBITRI: Stahl (USA), Vera (PER)

DURATA SET: 27’, 33’, 23’, 29’,19’.

Articoli correlati

Commenti

Dalla home

Vai alla home